News

[09/09/2016]
Informativa dismissione IMPIANTI CENTRALIZZATI

Approfondimento

Oggetto: INFORMATIVA: Riferimento Ns. Prev. riguardante l’adeguamento della CentraleTermica al D.Lgs. 102/2014 in materia di contabilizzazione e risparmio energetico.Il quadro normativo attuale scoraggia la dismissione dell'impianto centralizzato, infatti, l'articolo 4,comma 9, del DPR 59/2009 stabilisce che la trasformazione in impianti con generazione di caloreseparata per singole unità abitative, in tutti gli edifici esistenti con un numero di unità abitativesuperiore a 4 e comunque nel caso in cui sia presente un impianto di riscaldamento centralizzato dipotenza pari o superiore a 100 kW, è ammessa solo in presenza di cause tecniche o di forzamaggiore, da evidenziarsi in una relazione tecnica attestante la rispondenza alle prescrizioni per ilcontenimento del consumo energetico, che deve essere depositata in Comune ai sensi dell'articolo28 della legge 10/1991.Per completezza, occorre precisare che l’art. 4, comma 9, del successivo D.P.R. 02/04/2009, n. 59 -che disciplina espressamente la trasformazione degli impianti centralizzati, con esclusione deldistacco unilaterale del singolo condomino - ha disposto che “in tutti gli edifici esistenti con unnumero di unità abitative superiore a 4, e in ogni caso per potenze nominali del generatore di caloredell’impianto centralizzato maggiore o uguale a 100 Kw, appartenenti alle categorie E1 e E2, cosìcome classificati in base alla destinazione d’uso all’art. 3, del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412, èpreferibile il mantenimento di impianti termici centralizzati laddove esistenti; le cause tecniche o diforza maggiore per ricorrere ad eventuali interventi finalizzati alla trasformazione degli impiantitermici centralizzati ad impianti con generazione di calore separata per singola unità abitativa devonoessere dichiarate nella relazione di cui al comma 25”. Il che sta a significare che solo in caso diimpedimenti tecnici, attestati da un tecnico abilitato è possibile passare dalla caldaia unica a quellesingole. A tali condizioni, la delibera assembleare deve ritenersi legittima e obbligatoria per tutti icondomini, a norma dell’art. 1137, primo comma, c.cSi fa presente inoltre che con la sentenza 862, depositata il 20 gennaio 2015 , la Corte di Cassazioneha sancito che la dismissione dell'impianto centralizzato di riscaldamento deve essere deliberataall'unanimità. Non è infatti sufficiente la sola maggioranza qualificata a rendere legittima la delibera.Secondo i giudici, i condomini contrari alla dismissione dell'impianto centrale hanno diritto alrisarcimento dei danni derivanti dalla soppressione del servizio comune di riscaldamento.Si ribadisce infine che per il mancato adeguamento al D.Lgs. 102/2014 l’obbligo dellacontabilizzazione e della termoregolazione viene sanzionato dall’art. 16, comma 7 con la sanzioneamministrativa pecuniaria da euro 500 ad euro 2.500 comminata al condominio ed ai clienti finaliche acquistano energia per un edificio polifunzionale e non provvedendo ad installare sistemi ditermoregolazione e contabilizzazione all’interno delle singole unità immobiliari.Nella speranza che la presente informativa possa essere stata chiarificatrice circa gli obblighivigenti in materia di contabilizzazione del calore si porgono Cordiali Saluti.

Gamba Arturo & C. S.a.s.

Il legale rappresentante